Davide Rinella Armoniche Solo

Davide Rinella Armoniche Solo

Armonica cromatica, diatonica, basso, preparata, effetti.

10,00 

Descrizione

Davide Rinella armonica cromatica, armonica basso, armonica diatonica, armonica preparata, armonica modificata e oggetti.
La dimensione del solo, condivisa. La solitudine, appena intravista, diventa ricchezza e collante, esibizionismo intimo, pluralità di ascolto. Diventa zona di comfort, un’uscita di sicurezza per rientrare nella zona di comfort. La curiosità, come vettore del processo creativo, il concetto di scoperta, di vuoto, di prima parola, superare la linea del tempo; ricerca, creazione e adattamento di un linguaggio esistenziale, l’ambizione senza alcun preconcetto attraverso una visione infantile, priva di condizionamenti: questa, è la zona di comfort. Un focus sulla circolarità del tempo e dell’animo umano. Libertà, contraddizioni, completezza proveniente dal suono. Dal fiato, prima ancora che dal suono.
________________________________________________________________________________________________________________

Davide Rinella
Improvvisatore, armonicista jazz e blues, compositore e insegnante, suona l’armonica cromatica, l’armonica basso, l’armonica diatonica, l’armonica preparata e l’armonica modificata. Pensa e perfeziona un approccio moderno, lavorando su nuovi linguaggi e nuove tecniche, pur mantenendo il carattere dell’armonica e le sue peculiarità più note, spingendosi oltre la convenzionalità e l’approccio tendenzialmente melodico di questo strumento. Negli anni, ha partecipato a workshop con personaggi di spicco dell’improvvisazione radicale e delle musiche di ricerca, tra cui Barre Phillips, Frank Gratkowski, Tim Hodgkinson, Jean-Marc Montera, Günter Baby Sommer, Floros Floridis, Achim Kaufmann, Eugene Chadbourne, Fabrizio Spera, Roberto Bellatalla, Mike Cooper, Sebi Tramontana, Michiel Braam, Carl-Ludwig Hübsch, Bart Van Der Putten e Wolter Wierbos, Dario Buccino. Nel 2019, per la storica etichetta italiana Setola di Maiale esce “Quando ero un bambino farò l’astronauta”, il suo album in armonica cromatica solo, accolto molto positivamente dalla critica italiana e internazionale.